Scopri il Villanova

Scopri il Villanova

Museo civico archeologico - Padria

 Indirizzo: Via Nazionale, 3 - 07015 Padria (SS)
 Orari di ricevimento: Da Giugno a Settembre ven - dom dalle 15.30 alle 18.30. Aperto su prenotazione durante il resto dell’anno
 Telefono:  +39 079 807018 (Comune di Padria)  |  +39 340 2836246 (Cinzia)  |  +39 347 9384533 (Gavina)
 E-mail: loguidea@libero.it   |  loguidea@pec.it

Il museo, inaugurato nel dicembre del 1989, ha sede all'interno dell’ex Monte granatico, costruito alla fine del 1800 poco distante dalla chiesa di Santa Giulia. Conserva una ricca collezione, venutasi a formare attraverso campagne di scavo, donazioni e raccolte di superficie in varie località del territorio. Il percorso museale dispone di un articolato apparato didattico.L'esposizione segue un criterio cronologico e topografico. Le ridotte dimensioni dell’ambiente, con due soli locali, hanno costretto ad una selezione dei pezzi da esporre.

Una prima sezione presenta reperti neolitici di cultura Ozieri: le forme vascolari attestate sono costituite da vasi biconici, a cestello, emisferici, carenati, globulari a colletto, tripodi e pissidi. Si trovano anche oggetti litici come coltellini, accettine levigate in pietra verde, un macinello di forma ovale lenticolare e tracce di ocra rossa, pezzi in selce ed ossidiana, oltre a delle punte in osso.
Nella sezione nuragica, le riproduzioni grafico-fotografiche di reperti provenienti dal territorio di pertinenza del comune di Padria, ma che sono conservati presso i musei archeologici nazionali di Cagliari e Sassari (Il Trofeo di Spade, due navicelle ed un arciere bronzei).

Di particolare interesse e di un certo valore artistico è la collezione di terrecotte provenienti dal deposito votivo rinvenuto nel sito di San Giuseppe da riferirsi al centro romano di Gurulis Vetus, sopra cui sorge l’odierno abitato di Padria. Il deposito, databile tra il I sec. a.C. e il III sec. d.C., comprende terrecotte anatomiche, animali, frutti, statuine umane, interpretabili come ex voto.

È presente una collezione di reperti punico-romani di proprietà del Comune: sono notevoli i vasi a vernice nera, i "thymiateria" a testa di dea "kernophoros", gli unguentari, le urne cinerarie e le lucerne.
Alcuni pannelli illustrano la viabilità della città romana di Gurulis Vetus: i ponti ed un tratto viario locale connesso con una rete stradale di collegamento tra la costa occidentale dell'isola ed il Logudoro più interno.

Di recente è stata inserita una sezione dedicata ai reperti provenienti dagli scavi archeologici effettuati all’interno del Parrocchiale di Santa Giulia.

Guida alla Visita dei Musei e delle Collezioni della Sardegna, Cagliari, 1997.
F. Galli, Padria, il museo e il territorio, Sassari, Carlo Delfino editore, 1991.
http://www.comune.padria.ss.it/it/Padria/Museo
http://www.sardegnacultura.it/j/v/253?s=22526&v=2&c=2487&c1=2126&t=1

Info e prenotazioni

Il museo è gestito dalla Loguidea Soc. Coop. a r.l.
Via Guido Rossa 9, 07010 Mara (SS)
Mail: loguidea@libero.it - loguidea@pec.it 
Tel. Comune di Padria +39 079 807018 | Cinzia +39 340 2836246 | Gavina +39 347 9384533

  • Costo del biglietto: 1€
  • Ingresso gratuito: Bambini e ragazzi under 12, adulti over 65 e scolaresche
  • Apertura:
    • Da giugno a settembre, dal venerdì alla domenica 15:30 - 18:30
    • Aperto su prenotazione durante il resto dell’anno